BNB Trieste - Bed & breakfast vicino al pontone gru Ursus

Scegliere un bed and breakfast vicino al pontone gru Ursus e al molo IV significa alloggiare nel centro della città a pochi passi dalla piazza dell'Unità d'Italia.

Inizia nel 1910 all’interno del “Cantiere a San Marco” la costruzione del pontone gru Ursus, progettato per il posizionamento di motori caldaie e artiglieria pesante sulle navi da guerra della Marina Asburgica. I lavori vennero interrotti a causa dell’inizio del conflitto mondiale, durante il quale il pontone funse da deposito di materiale per sommergibili.

A distanza di 10 anni dal primo varo dello Stabilimento Tecnico Triestino il governo italiano riprende in considerazione l’originario progetto austriaco sebbene parzialmente rivisto: nel 1930 viene depositato presso i Cantieri Riuniti dell’Adriatico C.R.D.A.  il nuovo progetto che prevedeva una torre alta 70 metri, con una portata di 150 tonnellate dotata di una piattaforma girevole che ne consente l’operatività a 360°.

Nel secondo dopoguerra l’Ursus viene utilizzato in numerose attività: dalla pulizia dei fondali del golfo da relitti, reti antisommergibile e mine, all’edificazione di opere portuali e costiere e alla costruzione di nuove navi. Il pontone rimane operativo sino al 1994, viene successivamente dismesso ed ormeggiato presso l’Arsenale San Marco in attesa di demolizione.

Nel 2004 la Guardia Costiera ausiliaria acquisisce in modo gratuito la proprietà della mastodontica gru dalla società Fincantieri S.p.A. assicurandone la conservazione e nel 2011 la proprietà passa all’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale.

Attualmente l’Ursus oltre ad essere un importante esempio di archeologia industriale è diventato uno dei simboli più riconoscibili dalla città grazie anche alle numerose “comparsate” nella fortunata serie tv “La Porta Rossa”